Le 12 criptovalute di IQoption

By 11 Settembre, 2017 bitcoin

IQoption ha da poco arricchito la sua offerta con le criptovalute e ha creato una piattaforma apposita da nome Crypto. La volontà del broker è di offrire un trading di criptovalute più completo possibile, pertanto mette a disposizione numerose valute e non solo i più famosi Bitcoin ed Ethereum.
bitcoin iqoption

Ecco una panoramica approfondita sulle criptovalute di IQoption.

Bitcoin. E’ la prima e più famosa criptovaluta. Al centro di animate discussioni, ha negli ultimi anni fatto registrare apprezzamenti straordinari, che hanno spianato la strada alla proliferazione delle valute virtuali. Di recente è stata oggetto di giudizi negativi a causa della lentezza delle transazioni, la quale ne farebbero uno strumento di speculazione, più che un mezzo di pagamento. Ad ogni modo, nonostante la decisa flessione di metà luglio, il Bitcoin è continuato a salire anche nell’ultimo trimestre, a tal punto da ritrovarsi abbondantemente sopra i 4.000 dollari a inizio settembre. Il suo codice è BTC.

Bitcoin Cash. Si tratta di una nuova versione del Bitcoin classico, con la quale – per ora – condivide la blockchain. E’ nata per sopperire a un problema annoso: la lentezza delle transazioni. La sua ragion d’essere è quindi offrire un mezzo di pagamento vero e proprio, una moneta virtuale che possa funzionare come una moneta tradizionale. La similitudine tra le due tipologie è testimoniata anche da un fenomeno praticamente inedito nel mondo delle criptovalute: la stabilità delle quotazioni. Per essere una criptovaluta, il Bitcoin Cash si sta dimostrando abbastanza stabile. A fine settembre si attestava intorno ai 535 dollari. Il codice è BCH.

criptovalute iqoption

 

Ethereum. Ecco un’altra criptovaluta che, a differenza del Bitcoin, si è dimostrata abbastanza stabile. Nell’ultimo trimestre, eccetto un calo notevole a luglio, ha mantenuto un valore vicino ai 400 dollari. Ethereum è la candidata più autorevole a sfidare il Bitcoin, anche perché ha dalla sua un vantaggio: la velocità delle transazioni. Il codice dell’Ethereum è ETH.

Dash. Questa criptovaluta assomiglia, per costituzione e meccanismo di mining, ai classici Bitcoin. Hanno dalla loro, però, la (quasi) istantaneità dei pagamenti. Il Dash è una criptovaluta in costante crescita, come si evince dai costanti apprezzamenti registrati ad agosto. Attualmente, un Dash equivale a 312 dollari. La criptovaluta però potrebbe porsi in un trend discendente appena si raggiungerà l’unico tetto di erogazione previsto per ora: 18,9 milioni di monete. Il codice del Dash è DASH.

Ripple. Questa è una valuta virtuale di ultima generazione quindi, a differenza del Bitcoin, consente transazioni molto veloce. Tuttavia, a causa delle concorrenza di quest’ultimo non è riuscito a ritagliarsi il suo spazio. Certo, l’aumento registrato nel secondo trimestre ha fatto ben sperare ma attualmente – inizio settembre – la criptovaluta è ferma intorno ai 20 centesimi di dollari. Le prospettive comunque sono buone, almeno nel lungo periodo, dal momento che è prevista una erogazione complessiva di 100 miliardi di unità. Il codice del Ripple è XRP.

Litecoin. Sulla scorte delle altre criptovaluta di nuova generazione, il Litecoin funziona come il Bitcoin con l’unica differenza che risiede nella velocità delle transazioni, nettamente più veloci. Inoltre i pagamenti non prevedono commissioni di sorta. Si è inserita da qualche mese in un trend ascendente, cavalcando l’onda generata dalle aperture fatte dalle banche centrali. La particolarità del Litecoin, nonché suo grande merito, consiste nell’essere riuscita a mantenere costante questo andamento. Attualmente, un Litecoin vale 67 euro. Il codice del Litecoin è LTC.

IOTA. E’ la criptovaluta che sta facendo più fatica di tutti ma anche una delle più stabili. Da quando è stata introdotta, infatti (giugno 2017) ha fatto segnare variazioni minime (per la categoria di riferimento). Nello specifico, è partita da 0.54 dollari, ha raggiunto un picco di 0.91 e attualmente soggiorna intorno a 0.58 dollari. Forse non è riuscita a spiccare il volo a causa del Tangle, il protocollo che in IOTA sostituisce la blockchain: nonostante abbia dimostrato la sua affidabilità, deve ancora convincere gli investitori. Il codice dello Iota è IOT.

Seguono criptovalute di minor importanza che però potrebbero generare forti trend rialzisti nel futuro come:

  • Omisego
  • Santiment
  • Monero
  • ZCash
Lorenzo Sentino

Lorenzo Sentino

Lorenzo Sentino è trader online, coach di strategie di trading e di piattaforme per il forex, cfd e criptovalute. AVVISO: I trading alert, segnali forex e ogni altra indicazione presente in queste pagine non devono essere considerati come raccomandazioni di investimento personalizzate ma frutto di libera espressione, studio e analisi degli autori. Non ci si assume responsabilità sulle conseguenze dell'utilizzo delle informazioni presenti.

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.