Theter e Giancarlo Devasini: da venditore DVD vergini a uomo simbolo delle cryptovalute

Vi riporto la traduzione di un interessante articolo dal Financial Times che riprende aspetti curiosi sulla vita di Giancarlo Devasini, ovvero l’ideatore della stable coin Theter e a capo dell’exchange Bitfinex.

Storia di come è nato Bitfinex e Theter e il suo collegamento con l’andamento del Bitcoin. Coincidenze, problemi e curiosità.

Quando Giancarlo Devasini è entrato per la prima volta nelle criptovalute nel 2012, i suoi interessi erano decisamente esigui. Si è collegato a un popolare forum Bitcoin per chiedere se qualcuno volesse acquistare DVD o CD per 0,01 bitcoin ciascuno, quindi circa 11 centesimi, promettendo la spedizione gratuita per gli ordini all’ingrosso.

Oggi, il 57enne è uno dei player più influenti nel mercato globale delle criptovalute. Dalla sua posizione di chief financial officer di Bitfinex, un importante exchange, e di Tether, la sua valuta gemella che ha token per un valore di 60 miliardi di dollari in circolazione, i dirigenti del settore affermano che è il decisore chiave di due società che ora siedono al centro del flussi giornalieri opachi di criptovalute per miliardi di dollari.

Essendo la più grande “stablecoin” del mondo, ovvero una criptovaluta ancorata ad altri asset, Tether è un lubrificante indispensabile per gli investitori che entrano ed escono da criptovalute più volatili. Come risultato del suo sostegno in dollari, è diventata di fatto la valuta di riserva dell’economia cripto globale.

Tether è anche profondamente controverso, con le autorità governative che mettono in guardia sui possibili rischi che rappresenta per i mercati più ampi e mettono in discussione le dichiarazioni passate che ha fatto sugli asset dietro la valuta.

All’inizio di quest’anno, il procuratore generale di New York, Letitia James, ha affermato che in passato Tether aveva mentito sulle sue riserve e aveva definito Devasini e i suoi colleghi “persone prive di licenza e non regolamentate”. . . a che fare con gli angoli più bui del sistema finanziario”. Le società affermano che quelle frasi non erano nell’accordo da 18,5 milioni di dollari stipulato con l’ufficio del procuratore generale a febbraio.

Il mese scorso, Eric Rosengren, presidente della Federal Reserve Bank di Boston, ha indicato Tether come una possibile sfida alla stabilità finanziaria, dicendo: “In effetti, questo è un fondo primario molto rischioso”. I fondi Prime investono principalmente nel debito societario e consentono agli investitori di prelevare contanti a piacimento.

Il significato della criptovaluta è difficile da sopravvalutare: attualmente circa la metà di tutti gli scambi di bitcoin viene effettuata tramite Tether, secondo Crypto Compare, contribuendo a spingere il drammatico aumento del prezzo del bitcoin quest’anno. Tether ha fornito ai trader di criptovalute un token di scambio simile al dollaro, senza il fastidio e i rischi dell’utilizzo di dollari reali.

Al centro delle due iniziative c’è Devasini. Sebbene formalmente junior rispetto al suo socio in affari di lunga data, l’amministratore delegato di Tether e Bitfinex Jean-Louis van der Velde, Devasini è visto come la figura centrale da alcuni nel mercato.

“Il ragazzo che lo gestisce è Giancarlo”, afferma un dirigente di una società di criptovalute. Lo stesso Devasini si è vantato in una chat room audio nel 2016: “Alla fine, sono io quello che comanda in Bitfinex”. Tether afferma che Devasini e van der Velde svolgono entrambi “ruoli vitali in Bitfinex e Tether in base alle loro esperienze e competenze individuali”.

Lo status di Devasini come titano della finanza cripto, giocando un ruolo centrale nelle ingenti somme di denaro speculativo che fluiscono nelle criptovalute, è una notevole trasformazione rispetto alle sue precedenti carriere nel commercio di hardware per computer e nella costruzione di un servizio di consegna di cibo sano.

Fai trading con le criptovalute con i migliori broker europei

La vita, avventure e disavventure e, la carriera di successo

Nato a Torino nel 1964, si è formato come dottore in medicina presso l’Università degli Studi di Milano. La sua prima vocazione è stata quella di chirurgo plastico, anche se ha lasciato la professione a soli due anni dall’università nel 1992 dopo essersi disperato per il lavoro.

“Tutto il mio lavoro sembrava una truffa, lo sfruttamento di un capriccio”, ha detto a una galleria d’arte italiana nel 2014. Ha raccontato la sua particolare frustrazione per il fatto che una donna non potesse essere convinta a ridurre i suoi seni anche se “le stanno perfettamente” , come ha detto lui.

Tether dice che Devasini non aveva eseguito personalmente quella particolare procedura e che era preoccupato che la donna sarebbe rimasta delusa dai risultati.

Il giovane dottore si allontanò dal modellare la carne e intraprese una carriera nel settore dell’elettronica. Ha costruito un gruppo di società in Italia che, secondo la sua pagina del profilo Bitfinex, e ribadito da Tether in risposta alle domande del FT, è cresciuto fino a superare i 100 milioni di euro di fatturato e che dice di aver venduto poco prima della crisi finanziaria del 2008.

I documenti dell’azienda italiana proiettano il suo background imprenditoriale in una luce molto diversa. Nel 2007, l’impero commerciale di Devasini aveva un fatturato di soli 12 milioni di euro e successivamente è stato colpito a morte da un devastante incendio nel magazzino e negli uffici di Devasini nel febbraio 2008. La società madre del gruppo, Solo, è stata messa in liquidazione nel giugno dello stesso anno. Le controllate, Acme, Compass e Freshbit, erano state svalutate a un valore nominale di € 1 ciascuna nei conti 2007 di Solo. Tether insiste sul fatto che Devasani “ha rappresentato i fatti in modo completamente accurato”.

Ad un certo punto durante i suoi quasi due decenni di vendita di hardware per computer, Devasini ha adottato l’alias “Merlin” in molte delle sue comunicazioni e l’handle di Skype “merlinmagoo”. Un socio nel 2010 lo ha chiamato “Mr Merlin”.

Come il mago mitologico, Devasini ha avuto la sua parte di graffi.

Nel 1996, non molto tempo dopo aver lasciato la medicina per gli affari, ha pagato 100 milioni di lire – quindi circa $ 65.000 – in un accordo di contraffazione con Microsoft. Un decennio dopo, nel 2007, Toshiba ha citato in giudizio un’altra delle sue entità, Acme, per presunta violazione dei suoi brevetti per le specifiche del formato DVD.

Tether afferma che Devasini aveva inconsapevolmente caricato software Microsoft senza licenza sui computer che stava vendendo dopo aver fatto affidamento sulle assicurazioni di un fornitore e che aveva collaborato con le autorità che indagavano sulla questione. Hanno aggiunto che la causa Toshiba era stata “senza merito”, “non è andata da nessuna parte” e “non ha portato a conclusioni negative”.

Nel 2006, una delle sue società, Alcosto, ha acquistato 1.575 chip di memoria da un’azienda britannica. Un tribunale fiscale del Regno Unito nel 2016, in un caso che non coinvolgeva Devasini, ha rilevato che la transazione era una delle tante “collegate a perdite fiscali fraudolente” come parte di uno schema di mancato commercio.

Tali schemi comportano lunghe catene di scambi, che possono includere attività ignare, in cui l’acquirente finale richiede un rimborso per l’imposta sul valore aggiunto dal governo ma il venditore originale, che è responsabile nei confronti del governo per lo stesso importo, scompare.

“Le uniche “perdite fiscali fraudolente” di cui siamo a conoscenza erano il risultato di un mancato pagamento delle tasse da parte di uno dei clienti di Alcosto, non della stessa Alcosto”, afferma Tether.

Nel marzo 2010, un’altra delle società di Devasini, un’entità monegasca chiamata Perpetual Action Group, è stata bandita da Tradeloop, il mercato online dell’elettronica usata. Un mese prima, un acquirente americano si era lamentato di 2.000 dollari di chip di memoria che aveva acquistato da PAG. “Una scatola era piena di un grosso blocco di legno”, ha affermato l’acquirente.

Tether afferma che Devasini ha venduto PAG nel 2008 e da quel momento non è stato coinvolto nella società, prima di chiarire che ha iniziato a liquidare l’attività alla fine del 2009.

I forum di Tradeloop nel 2010 includono e-mail che mostrano Devasini che si occupa del reclamo e messaggi di un associato che affermano che Devasini aveva personalmente imballato le scatole.

Al momento, Devasini ha negato con forza le affermazioni dell’acquirente, ha affermato che i pacchi dovevano essere stati manomessi durante il viaggio e ha offerto un risarcimento parziale.

“Si trattava di una disputa commerciale minore di oltre 10 anni fa, che non ha nulla a che fare con Tether o Bitfinex”, afferma Tether.

All’inizio del decennio, Devasini, sulla quarantina e con gran parte del suo impero commerciale in liquidazione, sembrava essere alla ricerca di un nuovo progetto.

Aveva lanciato un servizio di consegna di cibo di breve durata chiamato Delitzia che includeva un blog sui benefici del cibo biologico. In un video del novembre 2009 pubblicato online, Devasini, sul suo balcone in una camicia bianca larga e con un grande nano da giardino sul tavolo, ha preparato il risotto alle ortiche.

https://www.facebook.com/bio.delitzia/videos/100797956613007

La rinascita con il Bitcoin

Poi, nel 2012, Devasini ha trovato bitcoin e si è gettato nel mondo delle criptovalute che era, ed è ancora in gran parte, un selvaggio west di finanza non regolamentata. È entrato a far parte di Bitfinex subito dopo la sua fondazione quell’anno, gestendo le sue operazioni di trading e di gestione del rischio.

Le sue prime conversazioni con i clienti su Bitcointalk, un popolare forum di Bitcoin, lo hanno mostrato essere gioviale con i sostenitori e combattivo con i critici. “Credo che dovresti mostrare un po’ di rispetto e gratitudine per ciò che noi di Bitfinex stiamo facendo per te”, ha detto a uno nel 2013.

Tether sembra nascere nel 2014, sebbene fino al 2017 l’intera portata della proprietà e della gestione comuni delle due società non fosse ampiamente compresa. Devasini, insieme agli altri dirigenti di Bitfinex e Tether, possiede personalmente le società e opera da diverse località in tutto il mondo. L’account Skype “merlinmagoo” di Devasini indica attualmente la nazione insulare africana di São Tomé e Príncipe come sede, mentre i registri aziendali elencano gli indirizzi in Svizzera, Italia e Costa Azzurra.

Per gli osservatori esterni, Devasini è un personaggio sfuggente, che rifiuta di parlare con la stampa mainstream e oggi mantiene una presenza online minima, una rottura con l’archetipo dell’imprenditore roboante e provocatorio delle criptovalute. “È una questione di stile”, afferma Stuart Hoegner, consigliere generale delle società con sede in Canada. Devasini è “solo un po’ più in pensione”.

Ma per i clienti di Bitfinex e Tether, è sempre presente.

“È reattivo 24 ore su 24, 7 giorni su 7, e non è solo reattivo alle crisi o alle incredibili opportunità, è reattivo alle operazioni quotidiane”, afferma Sam Bankman-Fried, amministratore delegato di FTX, un exchange di criptovalute con sede a Hong Kong.

Dice che le operazioni quotidiane includono processi come il coordinamento dell’acquisto e del riscatto di token Tether per clienti come lui con Deltec Bank, l’istituto finanziario delle Bahamas che è la banca sia di Bitfinex che di Tether.

Bankman-Fried afferma che Devasini è “molto orgoglioso” di ciò che ha costruito in Bitfinex e Tether. “È davvero grato alle persone che lo hanno supportato. È certamente abbastanza infastidito dalle persone che vede come . . . cagare sui suoi affari senza una vera ragione per questo.

Stable Coin Thether

Nonostante le critiche e il controllo che ha ricevuto quest’anno dalle autorità statunitensi, Tether ha continuato a crescere notevolmente negli ultimi mesi e a diventare ancora più centrale per i mercati delle criptovalute.

Nella prima metà del 2021, la crescita dell’azienda ha accelerato notevolmente; Alla fine di giugno sono stati coniati 40 miliardi di nuove monete, più dell’emissione totale del suo rivale più vicino USD Coin.

Anche Bitfinex ha prosperato. Sebbene non sia l’exchange più grande, è un luogo chiave per i grandi commercianti di criptovalute che cercano liquidità e margine. “È lì che avviene la scoperta del prezzo. È davvero la sede istituzionale nelle criptovalute”, afferma un dirigente di una società di criptovaluta.

Oggi, solo il 3% delle riserve di Tether è in contanti, secondo una ripartizione rilasciata dalla società a maggio. La metà, circa 30 miliardi di dollari, è in carta commerciale, il che significa prestiti a breve termine anticipati ad altre società, secondo la divulgazione.

Una delle principali fonti di critiche da parte delle autorità statunitensi è legata alle divulgazioni sulle riserve di Tether. Fino a febbraio 2019, Tether ha affermato di detenere un dollaro in contanti per ogni token Tether in emissione. Successivamente ha affermato che ogni token è supportato da asset in dollari.

Tuttavia, l’indagine del procuratore generale di New York ha rilevato che a volte prima della divulgazione del febbraio 2019, grandi quantità di riserve di liquidità di Tether erano detenute nei conti bancari di Bitfinex. Questo “ha oscurato il vero rischio affrontato dagli investitori”, ha affermato l’ufficio del procuratore generale.

Per diversi mesi nel 2017, Tether non ha avuto accesso ai servizi bancari e ad un certo punto oltre l’85% del suo denaro era detenuto in un conto bancario Bitfinex, contabilizzato come un “credito” dalla sua consociata, il procuratore generale James trovato, con il resto trattenuto in un conto intestato a Hoegner, il consigliere generale.

Successivamente, nel 2018, Tether ha prestato a Bitfinex $ 625 milioni dopo che l’exchange ha subito la perdita di $ 850 milioni che deteneva con un processore di pagamento panamense chiamato Crypto Capital Corp. Bitfinex ha affermato che una parte significativa dei fondi è stata sequestrata dalle autorità e che sta cercando di recuperare i soldi. Nel 2019, gli Stati Uniti hanno accusato di frode bancaria due persone legate alla CCC.

La perdita non è diventata pubblica fino ad aprile 2019, quando è stata rivelata in un’azione legale intentata dal procuratore generale. I messaggi rivelati dall’ufficio di James hanno mostrato che Devasini, sotto lo pseudonimo di “Merlino”, implorava per mesi un individuo della CCC chiamato “Oz” per la restituzione dei loro soldi.

“Per favore, comprendi che tutto ciò potrebbe essere estremamente pericoloso per tutti, l’intera comunità cripto. [Bitcoin] potrebbe scendere al di sotto di 1k se non agiamo rapidamente”, ha scritto nell’ottobre 2018. A quel tempo, era di circa $ 6.500 per bitcoin, secondo gli analisti di mercato delle criptovalute CoinGecko.

I critici di Tether, inclusi i ricorrenti in una class action statunitense, hanno indicato questa linea per affermare che la criptovaluta è stata utilizzata per aumentare il prezzo del bitcoin.

Hoegner, il consigliere generale di Bitfinex e Tether, ha affermato che “mancava il punto” per vedere quel messaggio come una previsione di prezzo, dicendo che era “nato dalla frustrazione” e che Devasini aveva semplicemente cercato di esercitare pressioni per costringere CCC a “fare la cosa legale e giusta”. La società ha definito la causa “assurda e infondata”.

Bitfinex è sopravvissuto alla crisi, aiutato in gran parte attingendo ai $ 625 milioni di Tether nel novembre 2018 e a una raccolta fondi nel 2019. Il prestito Tether, successivamente formalizzato in una linea di credito di $ 900 milioni collateralizzata con azioni della società madre di Bitfinex, era sconosciuto al mercato fino ad aprile 2019 ed è stato al centro della constatazione del procuratore generale quest’anno secondo cui Bitfinex e Tether avevano travisato lo stato delle riserve di Tether.

Tether e Bitfinex non hanno né ammesso né negato la scoperta. Sebbene l’accordo sia arrivato con una multa di $ 18,5 milioni, affermano che ha rivendicato la loro posizione secondo cui Tether è sempre stato sostenuto, anche se a volte i suoi contanti erano detenuti da Bitfinex.

“Il prestito è stato rimborsato per intero [a gennaio], con tutti gli interessi dovuti e prima del previsto. Quindi è stato un buon credito per tutto il tempo, come abbiamo sempre detto che lo era”, afferma Hoegner.

Le aziende affermano che la multa è stata “una misura del nostro desiderio di lasciarci questa questione alle spalle e concentrarci sulla nostra attività”. O, come dice l’immagine del profilo WhatsApp di Devasini: “La vita non ha backspace”.

Texano

Texano

Il Texano, un artista, un romantico trader errante dedito agli studi delle onde di Elliott e candlestick sui futures sugli indici.

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.