Cerca
Close this search box.

Le regole d'oro per il Successo nel trading online

Il mio processo mentale che mi ha portato a capire le regole e gli schemi per fare trading

Chi è un buon investitore?

Cos’è un investitore? Bene o male lo sappiamo tutti ma ecco alcuni dettagli.

Qualsiasi persona o entità che alloca il capitale con l’aspettativa di un ritorno economico nel tempo è un investitore. Gli investimenti vengono effettuati con un fine di lucro su una tempistica estesa. Gli investimenti possono generare reddito, possono creare flussi di cassa positivi, possono pagare dividendi e possono pagare l’affitto. Quando investi, stai investendo per sfruttare i flussi di cassa. Molti potrebbero non essere d’accordo con me, ma io la vedo così.

A causa di questo driver sottostante per gli investimenti, i tempi di investimento tendono ad essere più lunghi. E direi che anche l’ammontare del capitale a rischio tende ad essere conservativo.

Non confondo gli investimenti con la speculazione. La speculazione o il trading sono la stessa cosa. La speculazione non si preoccupa di eventuali guadagni o dividendi futuri; il suo unico scopo è trarre profitto da un movimento di prezzo dell’attività sottostante.

Ora credo fermamente che chiunque possa diventare un buon investitore. Tuttavia, essere un buon speculatore è un gioco di nicchia. Uno speculatore è un professionista, come un medico, un ingegnere o uno chef.

Essere un investitore è una buona abitudine; è essere un buon pianificatore, è essere esperto finanziariamente. E penso che tutti dovrebbero essere finanziariamente intelligenti.

In Italia, e ora sempre più a livello globale, il senso di risultati rapidi a gratificazione immediata è pervasiva. Ci invadono ogni giorno di soluzioni veloci e redditizie. Ma sarà vero?

Lo vediamo nel settore del fitness: vuoi diventare più snello? Fatti un’addominoplastica. O prendere qualche pillola brucia grassi. Allenarsi ogni giorno, sudare e fare sollevamento pesi è per i fessi quando possiamo pagare per un intervento chirurgico e essere scolpiti. Lo vediamo nell’industria alimentare con una proliferazione di pasti da 2 minuti nei supermercati e nei fast food a ogni angolo di strada.

Queste mode sono ovunque e gli investimenti e il trading non sono diversi. Il messaggio di diventare ricchi subito è ovunque. Quando vediamo influencer spacciare apertamente la loro ricchezza sui social media, spinge solo di più le persone a trovare un Santo Graal in grado di fornire enormi risultati con uno sforzo minimo o nullo.

Dubito fortemente che un simile Santo Graal esista. L’unico che diventa ricco all’istante è qualcuno con informazioni riservate, e l’ultima volta che ho controllato, era illegale e penso che lo sia ancora! A meno che tu non sia un politico. Se sei in politica, forse ti si applicano regole diverse. Soprattutto se sei un politico al potere. Ma sto divagando.

Questa newsletter non è per chi è alla ricerca del Santo Graal. In realtà nessuna newsletter può darti il santo graal perché non ci sono santi graal – prima o poi lo scoprirai, come ho fatto io dopo essere stato attivo in questo settore per 20 anni.

Il Santo Graal è sinonimo di certezza. Non c’è certezza in questo mondo. Ci sono solo probabilità, studio e fatica.

Molti bambini credono in Babbo Natale. Ma dopo ulteriori esami e alcuni anni, la maggior parte di noi si rende conto che Babbo Natale non è reale. Almeno spero che la maggior parte di noi lettori creda che non sia reale;)

Sono un investitore o uno speculatore? O entrambi?

Confrontando la mia tesi sugli investimenti con la mia tesi sulla speculazione, la speculazione, a mio avviso, tende ad essere apprezzata per i risultati sperati in tempi brevi. Da poche ore a giorni a forse pochi mesi. 

Se compro un’opzione call o put, ed è aumentata del 150-200% in pochi giorni, per me questa è speculazione. Anche nella speculazione, sto rischiando un importo fisso: il mio rischio è definito prima di entrare. Se non conosco il mio rischio, non sono né uno speculatore né un investitore. Sono solo un giocatore d’azzardo.

Un altro fattore di differenziazione chiave per me tra investimenti e speculazione è la leva finanziaria. Nella speculazione, come nei futures o nelle opzioni, è disponibile una leva massiccia, spesso 1:50 o anche di più. Per me, il margine di errore è estremamente ridotto in tali operazioni. Pertanto il rischio deve essere conosciuto e controllato.

Condivido questo semplicemente come la mia comprensione dei concetti di investimento rispetto al trading, il mio quadro di investimento. Questo non è l’unico modo, potrebbe non essere nemmeno il modo giusto, ma mi sento a mio agio. E non mi dispiace condividerlo come mio diario.

Il mio quadro di investimento inizia con il risparmio.

Primo punto.

SÌ. La prima cosa di cui ho bisogno come investitore sono i risparmi. Credo fermamente nel risparmio prima della spesa. Se guadagno 10000 dollari al mese, mi pago 1000 il giorno 1. Nessuna eccezione a questa regola! I buoni investitori spesso hanno poco o nessun debito. In effetti, considero anche il debito ipotecario come qualcosa da evitare, ma questa è una conversazione completamente diversa.

Quindi mi pago un dollaro prima ancora di pensare di spendere un centesimo.

Tante persone credono invece, nella spesa prima del risparmio, pensando di poter salvare ciò che resta in futuro. Penso che questa sia una ricetta per il disastro e alla fine non risparmi nulla.

Secondo punto.

Il secondo elemento chiave per un investimento è il periodo di tempo.

Prima comincio come investitore di lungo periodo. Sì, puoi iniziare a qualsiasi età. Gli investimenti e i risparmi sono per tutti indipendentemente dalla loro età, ma penso che se inizi nei tuoi primi 20 anni, è sempre meglio che, diciamo, iniziare nei tuoi 60 anni che la società tradizionale considera l’età pensionabile. Personalmente non credo affatto nel pensionamento: se ami fare qualcosa, perché dovresti smettere di farlo? 

Quindi, in che modo questa cosa dell’investimento è diversa dalla cosa del trading?

Nell’investire, non ho bisogno di sapere cosa succederà dopo. Nel trading, non posso sapere cosa succederà dopo. Così semplice.

Per me è tutta una questione di coerenza. L’ho fatto per due decenni e penso di aver appena iniziato: ho altri 4-5 decenni per farlo. Ogni singolo giorno.

Non ci sono dentro per il brivido e l’adrenalina immediata. Se sei super nuovo e giovane, stai guardando 50, 60 anni avanti. Puoi decidere di voler intraprendere la strada della pazienza e della coerenza, oppure ci sei dentro per il brivido di farlo. 

Nota: sto parlando rigorosamente dei tempi di investimento, non del trading quotidiano qui.

Diciamo che sono un investitore di 30 anni e ho investito in S&P500 tramite un ETF, forse un VTI, forse qualcosa come un VOO o SCHD, tutti indici estremamente economici.

Mi interessa se l’S&P500 oggi viene scambiato a 4300 o se è a 3300? Questa è una fascia di price action del 20-25%. Per darti un contesto, in media l’S&P 500 si è mosso di circa il 13% all’anno negli ultimi 100 anni. Quindi, in termini di tempi di investimento, è un brufolo su una zanzara. È un dirigibile nella storia.

Personalmente non penso nemmeno che l’invenzione debba essere cronometrata o possa essere cronometrata. Una volta che sei fuori, è difficile risalire in sella.

Il tempismo, a mio avviso, è la rovina di un investitore e un vantaggio per i broker.

Dove devi essere molto bravo nel tempismo, penso, è nel trading intraday.

Consentitemi di condividere 2 esempi.

Esempio A: Il mercato decolla dopo che ho acquistato

In questo esempio, sono l’investitore A che ha acquistato 1000 S&P500 a prezzi 4800 tramite un ETF. Inoltre, il mio lasso di tempo è di 10 anni e contribuirò a questo con 100 dollari ogni mese. Gli utili e i dividendi vengono reinvestiti. Presumo un modesto tasso di rendimento da S&P500, che è di circa il 10% all’anno per questo esempio.

Quanto avrò dopo 10 anni seguendo questo esempio? 21718.65.

price

Richiedi Dettagli sulla Masterclass!

Esempio B: Il mercato crolla dopo l’acquisto

Ora facciamo un altro esercizio. Supponiamo che l’investitore A sia così sfortunato che nel momento in cui acquista quel valore di 1000 di S&P500 a 4800, la pandemia colpisce la settimana successiva, il mercato azionario perde il 50% nelle prossime settimane e il loro investimento iniziale viene ridotto a 500 da 1000. Tuttavia, crede ancora nel potere del compounding e continua a comprare come previsto a $ 100 al mese. 

Bene, alla fine dei 10 anni si ottiene un totale complessivo di 1300 dollari in meno rispetto all’esempio precedente. Una differenza di appena il 5-6% nonostante un taglio di rendimento del 50% all’inizio dell’investimento.

Quando espandi questi intervalli di tempo da 10 a 20 a 25 anni, questi risultati diventano ancora più sorprendenti.

Questo per me evidenzia che il tempismo, negli investimenti ha poca importanza. Ciò che conta di più è il time-in e la coerenza.

Dagli esempi precedenti, diciamo che sono stato in grado di risparmiare una somma forfettaria. Per un indice come lo S&P500, molto raramente passa un periodo di 3-5 anni in cui non vediamo un drawdown del 30-50%.

Solo negli ultimi due decenni, questi ribassi sono stati comuni.

Quindi, quando questi ribassi si verificano di tanto in tanto, se ho una quantità maggiore risparmiata, potrei 1) aumentare la frequenza e le dimensioni del mio investimento, ad esempio, passare da 100 dollari al mese a 250 quando l’S&P500 è in calo del 30-50% con dimensioni crescenti man mano che si avvicina a quel punto liminte del 50%. 2) Potrei decidere del tutto di impiegare un capitale maggiore una volta che l’S&P500 avrà perso il 50% o più.

Nota: questi sono solo esempi a scopo illustrativo. Ho scelto S&P500 perché questo mercato esiste da diversi decenni e ha generato in media rendimenti superiori al tasso di inflazione medio in un periodo di tempo simile.

Al di fuori di questo concetto, avrò investimenti discrezionali, dove potrei decidere di investire l’1-2% del mio conto su titoli specifici. Potrebbero esserci diverse ragioni per queste scelte, ma le principali per me saranno il breakout di un’ampia base di consolidamento multi-timeframe o una giovane azienda con le seguenti caratteristiche:

  1. È in un mercato di vendita di massa (come gadget, viaggi e assicurazioni, solo per citarne alcuni)
  2. Ha una sorta di MOAT (barriera all’ingresso). Ferrovie, produttori di iPhone, raffinerie di petrolio, parchi a tema, produttori di aeroplani e produttori di chip specializzati sono alcuni esempi di MOATS in cui la barriera all’ingresso è molto alta a causa del costo o del know-how tecnico necessario.
  3. Ha forti margini. Margini elevati (il 30% o più spesso indicano un forte MOAT, ma possono anche attirare la concorrenza).
  4. Debito basso o nullo, crescita anno su anno pari o superiore al 20%.

Perché condivido oggi questo articolo con voi?

Come blogger educativo, mi impegno a condividere con i lettori tutto ciò che ho imparato dai miei errori e dalle mie vittorie negli ultimi due decenni. Naturalmente, questi esempi presuppongono che l’S&P500 (mercato generale) continuerà a fare quello che ha fatto negli ultimi 100 anni. Questa ipotesi potrebbe essere molto sbagliata… ?? perchè??? perchè nessuno di noi conosce il futuro.

Per conoscere i miei pensieri finanziari di breve e di lungo con una maggior costanza e velocità, vi invito ad unirvi alla mia MasterClass. Un luogo speciale dove potrai conoscere meglio il mio metodo e altre persone con gli stessi obiettivi. Manteniamo il Focus giorno dopo giorno.

Masterclass —> entra ora!

Quando ci si guarda intorno, le persone veramente finanziariamente libere possiedono beni; detengono beni reali piuttosto che annegare nei debiti. Tutti possiamo imparare da loro e possiamo imparare da loro in qualsiasi fase della nostra vita. Voglio essere finanziariamente libero e voglio che tutti coloro che possono leggere questo siano finanziariamente liberi e inculchino buone abitudini e visioni a lungo termine. Spero di essere stato in grado di condividere le mie opinioni personali attraverso questo blog oggi!

Se c’è una cosa che puoi imparare da questo blog, è che essere un investitore è una scelta di vita. È un modo di pensare. Ed essere un investitore o uno speculatore è una professione come per i medici, dentisti e ragionieri. Non confondere i due aspetti.