Amazon proiezioni di borsa a 10 anni

By 19 Giugno, 2021Azioni

Azioni Amazon: tesi su cui ho ragionato per un investimento di lungo periodo

Amazon (NASDAQ:AMZN) è una delle aziende più conosciute al mondo, sembra difficile scoprire qualcosa di nuovo al suo interno ma la realtà è che c’è molto da scoprire.

Dopo aver eseguito questa analisi approfondita di Amazon, mi sono reso conto che la maggior parte dei segmenti è nelle sue fasi iniziali. La valutazione attuale è molto interessante considerando che stanno solo grattando la superficie del potenziale di queste divisioni.

Divisione Medicale e Salute

Amazon Healthcare ha un enorme potenziale attraverso Amazon Pharmacy e Amazon Care (telemedicina). Entrambe le divisioni sono state recentemente approvate, quindi ad oggi non contribuiscono praticamente in alcun modo ai profitti di Amazon.
La parte retail ha molta strada da fare, con ampi margini di crescita con il suo omnicanale per i supermercati, aumenti di ARPU (average revenue per user), FBA (Fulfillment by Amazon ovvero prodotto e spedito da Amazon).

Pubblicità online

D’altra parte, la pubblicità digitale sta divorando il mondo e Amazon si è recentemente avvicinata (dal 2015). Parte della pubblicità di Amazon cinque anni fa non generava quasi nessun profitto, ora raddoppia i ricavi ogni due anni e questo è appena iniziato. Amazon è il mercato di prodotti più potente a livello globale, quindi ha perfettamente senso che la crescita selvaggia della pubblicità continui a crescere a ritmi elevati.

Gaming

Abbiamo ancora l’opzione del gaming, la crescita delle prime ARPU, la divisione Audio e Video, insomma numerosi segmenti che non hanno ancora iniziato a contribuire alle vendite e Amazon sta attualmente scambiando a circa 35x il flusso di cassa normalizzato, caro? A nostro avviso notevolmente più conveniente rispetto ai multipli a cui il mercato sta scambiando.

Prodotti offerti da Amazon

Amazon è un’azienda che ha sempre avuto un focus a lungo termine. Ciò significa che sin dal suo inizio, ha rinunciato alla redditività a breve termine per diventare una delle aziende più importanti al mondo nel lungo termine. Non c’è dubbio che ha raggiunto questo obiettivo e siamo proprio nel momento in cui Amazon sta iniziando a raccogliere ciò che è stato seminato per tanti anni.
Nei suoi primi giorni, Amazon si è concentrato sull’esperienza dell’utente durante gli acquisti online. Amazon ha offerto un modo semplice, accessibile e universale per acquistare prodotti per garantire il maggior numero di recensioni e arrivare in tempi record. Inoltre, l’acquisto di un prodotto su Amazon comporta la garanzia della consegna dello stesso; questo significa che se hai qualsiasi tipo di problema con la ricezione del prodotto, Amazon lo risolve in tempi record.
Questa prima fase ha avuto molto successo ed è stata la base di Amazon 2.0, che ha integrato sempre più servizi e migliorato il suo prodotto originale: l’e-commerce.

Grazie a questa user experience creata da Amazon, è stato uno dei principali contributori (o meglio il principale contributore) all’evoluzione esplosiva dell’e-commerce, rendendone sempre più alta la penetrazione e altissima la crescita.
Secondo i dati di Statista, la penetrazione dell’e-commerce a livello mondiale è del 50,8% nel 2021 e dovrebbe raggiungere il 63,1% nel 2025. La spesa media pro capite supera i 700 dollari all’anno.

Tra il 2020 e il 2025, i ricavi dell’e-commerce dovrebbero crescere del 50%, quindi lungi dall’essere un mercato maturo, è ancora in forte crescita.

Amazon Prime

Sempre più nuovi servizi vengono integrati in Amazon Prime, rendendolo uno degli abbonamenti indispensabili per gli utenti.
Un riassunto cronologico dell’evoluzione di Amazon negli Stati Uniti (il suo mercato più maturo) è essenziale per comprendere l’evoluzione dei prezzi e del valore aggiunto nel tempo.
Amazon lancia l’abbonamento Prime negli Stati Uniti nel 2005 per $ 79 all’anno. Nel 2006, Amazon è andato avanti e ha lanciato “Gestito da Amazon”. Questo servizio consente ai venditori di avere un negozio su Amazon e spedire i propri prodotti a pagamento. Questi prodotti diventano quindi idonei per Amazon Prime, aumentando l’assortimento e la selezione a disposizione dei clienti.

A partire dal 2011, Amazon ha incluso Prime Video negli abbonamenti, il che significava 5.000 film e serie per ogni abbonato.
Il 2014 è stato un grande anno per Prime, non solo perché sono stati aggiunti molti nuovi servizi, ma anche perché c’è stato il primo aumento di prezzo, Amazon aumenta da $ 79 a $ 99 l’abbonamento negli Stati Uniti. Nello stesso anno viene lanciato Amazon Prime Pantry, offrendo ai clienti la possibilità di acquistare i prodotti essenziali del supermercato (carta igienica, bibite, creme) a un prezzo esiguo e regolarmente. Sempre nel 2014 è stato lanciato Amazon Music con l’abbonamento Prime, che dà accesso a un catalogo di 60 milioni di brani, al pari dei migliori servizi di streaming. Vengono inoltre lanciate le foto di Amazon, un servizio che offre l’archiviazione di foto ad alta risoluzione con l’abbonamento di Amazon. Infine, Amazon lancia Amazon Now, un servizio di supermercato in cui ricevi i tuoi prodotti in 2 ore (o 1 ora in determinate zone) con spese di spedizione gratuite a partire da $50 di spesa.

Nel 2015 è stato creato Amazon Prime Day per celebrare il 20° anniversario, in cui 24 ore si propone di sembrare il giorno della più grande vendita di Amazon dal suo lancio.
Nel 2016 è stata introdotta la consegna in giornata in 27 aree metropolitane. Prime si unisce anche a Prime Reading, che ha offerto gratuitamente più di 1.000 libri e riviste.

Nel 2017 è stato formato un accordo con Chase per creare una carta di credito che offra agli abbonati Prime senza costi aggiuntivi un rimborso del 5% su Amazon o Whole Foods per gli acquisti effettuati. Nel 2017 viene lanciato anche Prime Guardaroba, un servizio che permette di provare vestiti, gioielli o simili in un periodo di 7 giorni prima di dover pagare.

Nello stesso anno viene lanciata Amazon Key, una serratura intelligente che permette di aprire la casa dallo Smartphone a persone di fiducia (guardando attraverso una telecamera integrata), aprire la porta dal proprio Smartphone o con un codice personale. Oltre a questo, permette ai membri Prime di ricevere i pacchi Amazon nel proprio garage, casa, senza bisogno di una chiave, semplicemente tramite l’APP.

Nel 2017 è stata effettuata l’acquisizione di Whole Foods, che è integrata in Amazon con sconti, spedizione gratuita o cashback in caso di pagamento con carta.

Nel 2018 arriva un secondo aumento di prezzo da $ 99 agli attuali $ 119, un aumento di $ 40 dal suo lancio nel 2005.
Nel 2019, Amazon Fresh, offre gratuitamente in città selezionate il servizio di consegna di generi alimentari freschi.

Infine, nel 2020 viene lanciato Amazon Prime Gaming, un servizio integrato nell’abbonamento Prime che fornisce giochi gratuiti, contenuti di gioco esclusivi e un abbonamento Twitch gratuito.

L’evoluzione di Prime è stata impressionante, incorporando nuovi servizi anno dopo anno per rendere l’abbonamento ad Amazon indispensabile nelle nostre vite. Vedendo l’evoluzione degli iscritti, sembra evidente che abbia raggiunto il suo scopo.
L’evoluzione di Prime ci ha portato a 200 milioni di abbonati nel 2020 a livello globale, di cui 153 milioni dagli Stati Uniti.

Fonte: Emarketer, Statista

Vista la penetrazione, la crescita di Prime è rallentata negli ultimi anni, anche se gli utenti stanno diventando sempre più abituati al servizio e sta diventando uno degli abbonamenti essenziali. Questo, a nostro avviso, porterà al potere dei prezzi, cosa che abbiamo già visto negli Stati Uniti, dove il prezzo per l’abbonamento è sostanzialmente superiore a quello dell’abbonamento internazionale.

Di seguito è riportato un confronto dei costi di abbonamento in diversi paesi:
I prezzi sono aumentati rispetto al 2018 (questi sono a fine anno 2020). Si prevede che i prezzi continueranno a salire gradualmente per generare maggiori guadagni per utente (ARPU).

La prima cosa che notiamo è che la disparità tra i paesi è elevata. Secondo me, dove c’è più spazio per la convergenza dei prezzi è in Europa, poiché Prime diventa più maturo e incorpora contenuti di qualità superiore (come ha fatto negli Stati Uniti). Questa tabella mostra che c’è ancora molta strada da fare in termini di ARPU. Anche negli Stati Uniti il ​​prezzo di un abbonamento Amazon Prime, tenendo conto di tutto ciò che è incluso (musica, video, accesso alla farmacia, spedizione gratuita, spazio di archiviazione), è ben al di sotto di altri abbonamenti comparabili.

La penetrazione negli Stati Uniti è al massimo, il 77% delle persone che acquistano su Amazon sono utenti Prime. Nel 2020 questa percentuale era del 67% quindi abbiamo una crescita sostanziale; si tratta infatti di uno dei tassi di crescita più elevati dell’ultimo decennio.

L’utente Prime è più redditizio poiché tende a spendere 2-3 volte di più al mese rispetto a un utente non Prime.

Nell’e-commerce, Amazon è il chiaro dominatore con una quota di mercato negli Stati Uniti superiore al 50%.

Essere il chiaro dominatore in un mercato che crescerà a doppia cifra per i prossimi 5 anni (probabilmente anche per i prossimi 10 anni) è senza dubbio molto interessante.

Un altro punto importante è che la vendita al dettaglio è un mercato enorme in cui Amazon sta solo grattando la superficie, ma si è sicuramente posizionata per catturare sempre più quote di mercato con il passare degli anni. Amazon ha solo il 9% delle vendite al dettaglio negli Stati Uniti, mentre Walmart ha il 9,5%. Per darti un’idea della trazione di Amazon, nel 2019 aveva solo il 6,8%. Sebbene sia chiaro che il COVID l’ha aiutata a guadagnare terreno, nel corso degli anni ha sempre guadagnato più quote di mercato. Amazon lo sa e sta sostanzialmente aumentando il CAPEX di evasione degli ordini.

Anche la maturità dell’abbonato Prime è qualcosa di importante. Con il passare degli anni l’abbonato Prime tende a consumare di più, quindi potremmo dire che anche un abbonato Prime ha un periodo di ripresa come possiamo vedere in questo grafico:

In alcuni mercati come l’India, dove Amazon ha concentrato molta attenzione e investimenti, la crescita delle iscrizioni a Prime è stata eccezionale. Secondo il capo di Prime nel paese, l’adesione a Prime è raddoppiata tra il 4Q17 e il 2Q19. Sebbene parte di tale crescita possa essere stata guidata dall’investimento materiale di Amazon in contenuti digitali locali e incentivi Prime rate, riteniamo che molti di questi membri diventeranno clienti al dettaglio più coinvolti man mano che la loro situazione finanziaria migliorerà nel tempo.

Ci sono dubbi sul fatto che lo slancio derivante dal COVID nell’e-commerce rallenterà con la riapertura dell’e-commerce. I dati del primo trimestre del 2021 (con una ragionevole riapertura) mostrano che, lungi dal rallentare, la crescita ha addirittura accelerato al di sopra dei livelli pre-COVID. Ciò ha senso in quanto alcuni utenti sono riluttanti a fare acquisti online e sono stati relativamente costretti durante la quarantena. L’aver fatto acquisti online ha permesso loro di perdere quella paura e diventare utenti di e-commerce che avrebbero impiegato più tempo a diventarlo se non fosse stato per il COVID.

Attualmente, il 66% dei GMV (Gross Merchandise Value o importo totale trattato in rivendita senza sconti) proviene dagli Stati Uniti, il mercato più maturo. In futuro, la proiezione è che il mix di GMV tra USA e Non USA convergerà al 50% poiché è nel resto dei mercati dove la crescita è attualmente più alta.
La penetrazione nel mercato è graduale e per avere un’idea di come si sta evolvendo bisogna guardare al mercato più maturo: gli Stati Uniti.
Attualmente, il 67% delle famiglie statunitensi con Internet ha un abbonamento Prime.

Investi su Amazon

Ecco i broker con cui puoi comprare azioni Amazon e investire in questa società di successo:

Logistica di Amazon (FBA)

Più della metà delle unità acquistate sui mercati globali di Amazon sono vendute da commercianti di terze parti: venditori grandi e piccoli che beneficiano dell’accesso ai milioni di clienti di Amazon. La tua attività Seller Care ti consente di offrire un’ampia selezione di prodotti coinvolgendo questi venditori e aiutandoli a gestire la loro attività sulla piattaforma.
Logistica di Amazon (FBA) è un programma che consente ai venditori di spedire il proprio inventario ai centri di distribuzione di Amazon, dove creano, imballano e spediscono gli ordini per loro, oltre a gestire il servizio clienti e i resi. I loro prodotti entrano a far parte del programma Prime, quindi raggiungono un pubblico ancora più ampio e il venditore spende meno risorse per la gestione dell’inventario e la spedizione.
Logistica di Amazon è iniziata nel 2005 con solo una manciata di fornitori. Team di professionisti aziendali e tecnici costruiscono tutti i sistemi che lo abilitano, inclusi strumenti che forniscono dati e report in tempo reale e consentono alle aziende di gestire i propri inventari da remoto e da qualsiasi dispositivo.
La parte di adempimento beneficia della leva operativa, riuscendo a contenere i costi unitari e generando un free cash flow sempre maggiore. Per comprendere il servizio in modo più approfondito, possiamo guardare alle tariffe del servizio FBA di Amazon a terzi, che occupano quasi il 50% dei GMV.
Amazon ha investito nella sua rete di logistica per molti anni, rafforzando il suo MOAT sempre più evidente riguardo alla capacità logistica e all’esperienza del cliente.

Fonte: relazione annuale, stime FactSet

Con la dimensione che Amazon ha acquisito, non sarebbe irragionevole diventare una piattaforma logistica più efficiente anche dei concorrenti puri.
Il grafico mostra come il percorso più semplice che può prendere un ordine è direttamente dal venditore all’acquirente attraverso un servizio di terze parti, dove Amazon non tocca mai il prodotto, ma mette solo il Marketplace.

Per gli ordini che passano attraverso la rete di Amazon, l’azienda raggruppa l’inventario in tre diverse categorie:

  1. Piccolo: articoli di consumo che costituiscono la maggior parte del business. Questi sono oggetti di uso quotidiano come libri, videogiochi e oggetti di piccolo peso.
  2. Grandi: gli articoli con un peso maggiore potrebbero richiedere più sistemi manuali a causa delle loro dimensioni.
  3. Grandi non ordinabili: articoli che, per dimensioni o peso, vengono gestiti con meno automazione, spesso in luoghi diversi e richiedono una maggiore specializzazione per la loro preparazione, come imballaggi specifici. La maggior parte di queste spedizioni viene consegnata da terze parti, principalmente XPO.

Il 2013 è stato un punto di svolta per FBA. Parliamo oggi dei 1.050 punti della rete di evasione ordini; solo 58 erano aperti prima del 2014, ovvero il 5%. Prima del 2014 non esistevano aeroporti; non c’era quasi nessuna infrastruttura rispetto ad oggi. Il 2020 è ancora una volta un punto di svolta; Il 45% dei centri logistici è stato o sarà costruito dopo il 2020.
Ciò si è indubbiamente riflesso nel CAPEX 2020, che è aumentato notevolmente rispetto agli anni precedenti, dal 5% al ​​9%. Escludendo l’aumento del CAPEX 2020, la crescita annualizzata dal 2013 è del 37%, superiore alla crescita delle vendite.

Amazon sta inoltre incrementando la propria flotta di aeromobili, iniziata nel 2016 a seguito dell’accordo con ATSG e Atlas Air per il noleggio di 40 velivoli (20+20). Attualmente la flotta di aeromobili in locazione è di 82 più 11 di proprietà, per un totale di 93, quindi ha più che raddoppiato la flotta in meno di 5 anni. Questi movimenti chiariscono le intenzioni di Amazon di potenziare il servizio aereo. Se continua a questo ritmo, nel 2016 avremmo circa 200 velivoli tra leasing e proprietà.

In Europa ha una rete anche nelle principali capitali: Madrid, Barcellona, ​​Parigi, Milano, Roma, Colonia e Lipsia.

L’attuale divario nella flotta è significativo per quanto riguarda UPS e FedEx.

E tutto questo per cosa?

Considerando quanto Amazon sta spendendo in logistica, è chiaro che ha uno scopo. Le vendite di Logistica di Amazon sono passate da $ 1 miliardo nel 2011 a $ 40 miliardi nel 2020, un balzo significativo. Le voci indicano che Amazon vorrebbe iniziare a competere con UPS e FedEx nell’offrire i propri servizi non solo per il proprio Marketplace ma anche per terze parti. Questo potrebbe essere indicativo del programma lanciato nel 2017 “Seller Flex che è una variante del programma FBA ma interno. Ciò significa che puoi sfruttare gli strumenti logistici di Amazon senza dover depositare l’inventario nei centri logistici di Amazon.

Dopo il lancio di Logistica di Amazon in loco, Amazon ha avviato i test interni di Amazon Shipping, un servizio di spedizione di terze parti che ha integrato Logistica di Amazon in loco. I primi rapporti suggerivano che Amazon sarebbe stata in grado di ridurre i prezzi dei corrieri di terze parti sfruttando la capacità già utilizzata per le proprie consegne ed eliminando i costi aggiuntivi. Dopo più di due anni, Amazon Shipping rimane una sperimentazione interna sospesa dall’arrivo del COVID, poiché Amazon stessa aveva bisogno di tutta la sua capacità logistica per uso interno.

C’è davvero un’opportunità qui? Diamo un’occhiata alle vendite e all’utile operativo dei principali attori: UPS e FedEx.
Insieme, generano il 40% delle vendite di Amazon e il 53% dell’utile operativo. Ovviamente, Amazon non acquisirà tutto il business da entrambi, ma ci dà l’idea che si tratta di un grande mercato in grado di fornire vendite incrementali per Amazon.

Considerando tutte le opportunità sul tavolo: farmacia, drogheria, giochi, pubblicità, la spedizione di Amazon sarà probabilmente ritardata per un po’, non una delle priorità più immediate.

Investi su Amazon

Ecco i broker con cui puoi comprare azioni Amazon e investire in questa società di successo:

AWS

Riteniamo che AWS continuerà a essere l’attore dominante in IaaS/PaaS poiché cattura la maggior parte della crescita futura del settore grazie alla sua enorme base di clienti.
Amazon è il chiaro dominatore nel mercato del cloud e sebbene abbia perso quote di mercato negli ultimi anni, ciò non gli ha impedito di crescere a tassi molto elevati.

Cosa c’è di interessante?

L’aspettativa è che il mercato del cloud cresca dal 2020 al 2025 a un tasso composto del 17,5%. Considerando che attualmente è la divisione dell’azienda con i migliori margini, questa è un’ottima notizia per il futuro di Amazon.
Il backlog di Amazon sta accelerando la sua crescita e nell’ultimo anno è cresciuto di oltre il 50%, mentre la crescita delle vendite AWS è più in linea con il 30%. Il backlog sono contratti con una scadenza media di 3 anni che finiscono per concretizzarsi nelle vendite, quindi vedere il ritmo con cui sta crescendo è sicuramente molto interessante.
I contratti arretrati sono solitamente con grandi aziende alle quali fanno offerte con conseguenti riduzioni di prezzo. AWS è aggressivo, ma può permettersi di ottenere i margini su cui opera.
L’arretrato attualmente supera i 50 miliardi di dollari, che dovrebbero concretizzarsi in un periodo medio di 3 anni. Queste saranno le vendite AWS, ma non significa che queste siano le uniche vendite che si concretizzeranno in quanto continuerà ad esserci una crescita dei contratti a breve termine come al momento.

Fonte: relazione annuale e stime Morgan Stanley (vedi immagini sopra)

Supermercato Amazon

Il settore dei supermercati è gigantesco e oggi la quota di mercato statunitense di Amazon in questo segmento è inferiore al 3% delle vendite del 2020. Considerando che la penetrazione di Amazon in questo segmento è sempre più alta e che Amazon sta imparando sempre di più grazie all’integrazione di Whole Foods e all’apertura di negozi Fresh Go e soprattutto di location fisiche.
L’apertura del primo negozio Amazon Fresh in California è recentissima; stiamo parlando di settembre 2020 e da quella data fino a maggio 2020 il numero è salito a 12. Considerando il ritmo delle aperture, è chiaro che Amazon vuole puntare su un modello Omnichannel dove è possibile acquistare fisicamente o online, a seconda delle proprie esigenze in un dato momento.
I negozi Amazon hanno una dimensione media di 35.000 piedi, vendendo circa $ 754 per piede, in linea con comparabili come (Wegmans, Kroger, Ahold), quindi il ritmo del lancio del negozio di Amazon significherà vendite incrementali interessanti (a seconda del numero di negozi)
D’altra parte, Amazon si sta concentrando sull’esperienza del consumatore. Amazon Dash Cart sta trasformando l’esperienza di acquisto in qualcosa di completamente diverso. Avrà una piccola curva di apprendimento iniziale per il consumatore, ma migliorerà sostanzialmente l’esperienza di acquisto del supermercato una volta compreso il concetto.

Stiamo parlando di un carrello del supermercato con intelligenza artificiale per contabilizzare automaticamente ogni prodotto che ci metti dentro. Puoi partire con l’acquisto senza dover passare alla cassa o simili, e a tutto questo aggiungi, ti fa sapere quanto hai speso in ogni momento, rendendo l’esperienza molto più efficiente.
Pertanto Amazon offre un’esperienza omnicanale in cui è possibile acquistare online e ricevere gratuitamente la consegna in giornata (su ordini superiori a $ 50 per gli utenti principali). Puoi anche effettuare l’ordine e ritirarlo in negozio o semplicemente acquistarlo nel negozio stesso; diciamo che è un approccio simile a Inditex.

Avere la possibilità di fare clic e ritirare o semplicemente ordinare alla consegna a domicilio consente ai negozi di generera leva operativa e maggiori margini con l’aumento dei volumi degli ordini.

La tendenza attuale è verso il cibo sano e negli Amazon Fresh Store c’è ampio spazio per il cibo fresco e preparato; abbiamo spazio per il pesce fresco, un sushi bar o anche la pizza fresca nel supermercato stesso.

Le recensioni dei negozi Amazon Fresh su google sono molto positive, con una media di 4,3 stelle in tutte le 12 località e oltre 3.000 voti.
In un sondaggio condotto da UBS nel suo settimo sondaggio annuale sull’eCommerce, a tutti gli intervistati è stato chiesto i motivi principali per l’acquisto online. Con il 43% delle risposte, la più scelta è stata la comodità di farlo.
Al contrario, i motivi per non acquistare online sarebbero in prima posizione con il 45% “Preferisco vedere e toccare il prodotto”.

I marchi Amazon

Soprattutto negli ultimi anni (dal 2017), il marchio di Amazon è stato notevolmente potenziato. Nel 2017 c’erano meno di 20 marchi di proprietà di Amazon e pochissimi prodotti in vendita. Attualmente ha più di 120 marchi propri e 22.617 disponibili. Inoltre, il marchio di Amazon ha una media di 4,3 stelle che riflettono i livelli di soddisfazione dei consumatori.

Annunci Amazon

Questa è una delle più grandi sorprese e delle risorse più sottovalutate che Amazon ha attualmente. I ricavi pubblicitari sono una fonte di reddito che sta crescendo a un ritmo accelerato; parliamo del fatto che solo 5 anni fa non esisteva e ora raddoppia ogni due anni.
Questa evoluzione ha senso, considerando che Amazon è la vetrina più potente a livello globale per vendere prodotti, quindi poter apparire nelle prime posizioni è senza dubbio qualcosa di molto interessante per i prodotti.

Stiamo parlando di un mercato gigantesco in cui Amazon sta solo grattando la superficie.

Considerando la spesa pubblicitaria delle società consumer difensive quotate, possiamo avere un’idea delle dimensioni di questo mercato, dove Amazon non ha ancora monetizzato praticamente nulla. Prova del potenziale è semplicemente guardare la crescita delle vendite negli ultimi anni, che ci dà un’idea di cosa c’è dietro questo mercato.
La pubblicità continua a passare al digitale e, secondo eMarketer, la pubblicità online rappresenterà circa il 64% della pubblicità totale entro il 2024. Ciò ha senso considerando che è molto più pubblicità diretta e raggiunge il consumatore meglio dei media tradizionali (TV, radio) .

Amazon all’interno della pubblicità digitale è la più verde, nelle fasi precedenti mentre Google e Facebook sono già piattaforme pubblicitarie molto più mature.
Crediamo che sia una parte di reddito che ha molto senso e crescerà in modo esponenziale.

Amazon Healthcare

I piani di Amazon e TAM per questo segmento sono molto forti. A novembre 2020 Amazon Care è stato approvato in WA e sarà presente in 50 stati entro l’estate e consentirà la distribuzione di farmaci da prescrizione, aprendo una gamma per nuovi entusiasmanti ricavi.
Amazon Care è la clinica online di Amazon, che sta ampliando il personale dalla fine del 2020. Amazon Care viene lanciato come prova interna (molte divisioni di Amazon sono nate in questo modo) nell’autunno 2019, offrendo una clinica medica virtuale ai dipendenti per facilitare l’accesso a cure primarie di qualità online (sebbene in alcune aree siano disponibili visite a domicilio). Questa iniziativa ha perfettamente senso negli Stati Uniti, dove l’assistenza sanitaria non è universale e l’assicurazione sanitaria è costosa.

Con Amazon Care hai anche cure urgenti attraverso la sua applicazione; i servizi offerti dall’applicazione sono:

  • Prendi un appuntamento
  • Assistenza di follow-up di persona (solo in determinati stati)
  • Esami medici
  • Team di assistenza 24 ore su 24, 7 giorni su 7, 365 giorni all’anno
  • Ricette consegnate a casa tua
  • Vaccini
  • Consultazione virtuale

La combinazione di Whole Foods + Amazon e Prime Now è potente per questo approccio e Amazon distribuisce già molti prodotti farmaceutici. Tuttavia, mi aspetto un aumento sostanziale e una maggiore efficienza (in termini di tempi di consegna in Europa) nell’aggiunta di nuovi prodotti alla piattaforma.

La vendita di prodotti farmaceutici con la combinazione Whole Foods consente la consegna in 2 ore negli Stati Uniti, il che è molto interessante grazie alle caratteristiche logistiche di Amazon.
Amazon si sta muovendo in questa direzione da alcuni anni e la parte più complicata, ovvero quella di realizzare l’infrastruttura, è già più che fatta. In questo momento, Amazon può vendere negli Stati Uniti sia online che via “mail”, i due più utilizzati, quindi il suo ingresso in questo segmento è già completo.

Il lancio finale di Amazon Pharmacy è avvenuto a novembre 2020, grazie al quale saranno disponibili farmaci da prescrizione. Attualmente è approvato in 45 stati, il che significa che copre il 90% della popolazione americana. Amazon Pharmacy ha una proposta per risparmiare l’80% sui generici e il 40% sui farmaci di marca quando non si paga con l’assicurazione e confrontare il prezzo che si ottiene su Amazon con quello di un altro possibile distributore.
Per qualsiasi utente sprovvisto di assicurazione, attualmente, i prezzi offerti da Amazon sono i più bassi. Gli utenti Prime su Prime RX riceveranno sconti tra il 40-80% con consegne inferiori a 2 giorni (consegna gratuita).

Il mercato di Amazon Pharmacy è gigantesco.

Stiamo parlando di un mercato che muove più di 350 miliardi di dollari l’anno dove i due terzi sono distribuiti al dettaglio e un terzo via posta. Amazon è già in grado di raggiungere il mercato al dettaglio e sta lavorando per raggiungere la parte della vendita per corrispondenza, poiché questo è un mercato diverso che di solito funziona per i farmaci per malattie croniche con il pilota automatico.
Un punto importante fornito da Amazon Pharmacy è la raccolta dei dati degli utenti. Come registro online, hai i dati del profilo dei farmaci che consuma una certa persona, quindi questa informazione è preziosa per alcuni player.

Gioco e Twitch

Amazon ha effettuato diverse acquisizioni del 2014 relative ai giochi; la cronologia sarebbe la seguente:

1. Nel 2014 Amazon acquisisce Doublé Helix Games.
2. Sempre nel 2014, Amazon ha acquisito Twitch.
3. Nel 2016 ha lanciato uno strumento: Lumberyard che consente lo sviluppo di giochi.
4. Nel 2016 ha acquisito il portale di gioco online “Curse”.
5. 2018 acquisisce GameSparks.

Le metriche di visualizzazione e utente sono spettacolari e la crescita è selvaggia.
Il futuro è nel cloud e negli abbonamenti, così come negli acquisti in-game. Le vendite di console e giochi sono stabili da alcuni anni o con una crescita fragile, e sono gli abbonamenti, il cloud e il multiplayer e gli acquisti in-game che sono cresciuti.
In futuro, è prevedibile che questa tendenza accelererà con il cloud gaming come chiaro dominatore e le vendite di console in calo a tassi elevati, quindi il posizionamento in questo segmento sarà la chiave per assorbire le vendite sotto forma di abbonamento: PlayStation Now, GeForce Now, Stadi.

La distribuzione è già cambiata molto, ma d’ora in poi i cambiamenti dovrebbero intensificarsi. In passato, l’editore pubblicava il gioco sulla piattaforma o console e la piattaforma o console lo consegnava al consumatore.

La nuova distribuzione partirà dal cloud in modo che la relazione parta da Azure, AWS o il player corrispondente. Entrerà in gioco il provider di banda larga e, infine, la corrispondente piattaforma cloud (Stadia, PlayStation Now…). In questa parte, ci sarà chiaramente una forte crescita e dove tutto resta da fare e posizionare.

Musica e video

L’acquisizione da 8,45 miliardi di dollari di Metro Goldwyn Mayer (NYSE:MGM) è significativa per Amazon, la seconda acquisizione più grande della società dopo l’accordo Whole Foods da 13,7 miliardi di dollari nel 2017, ma rappresenta solo la metà dell’1% della capitalizzazione di mercato di AMZN.
Attraverso l’acquisizione, AMZN ottiene l’accesso alla vasta libreria di MGM di oltre 4.000 film, inclusi franchise importanti come James Bond, Rocky e Tomb Raider. AMZN acquisisce anche 17.000 programmi televisivi, tra serie (Fargo, The Handmaid’s Tale) e spettacoli (Shark Tank, The Voice).
MGM accumula più di 180 Academy Awards e 100 Emmy. Nel complesso, l’accordo con MGM dovrebbe consentire ad Amazon di creare un’offerta video più avvincente per attirare nuovi abbonati per l’ecosistema Prime. Il grande vantaggio dello streaming e dell’abbonamento Prime è che si tratta di un’attività di scala in cui i costi di acquisizione di MGM sono diluiti quanto più ampia è la base di utenti, che viene rafforzata da questa acquisizione.
Con 175 milioni di utenti su Prime video e 200 su Prime, questa acquisizione potrebbe catalizzare per creare nuovi abbonati.

Il contenuto di MGM è importante e la proprietà intellettuale acquisita da Amazon, che le consentirà di produrre contenuti più originali ed esclusivi, che le consentiranno di competere in modo più rilevante con Netflix e Disney.

Non escludiamo che ci possano essere più acquisizioni lato video. Più grande è la base di abbonati, maggiori sono i costi di acquisizione diluiti su una base più alta, alimentando positivamente l’ecosistema Prime.
Per quanto riguarda il prezzo, è chiaro che non è stato un acquisto a buon mercato, anche se l’importante è che la sua integrazione significhi più di ciò che MGM genera attualmente. Parliamo di 25x EBITDA, che si colloca nella fascia più alta di M&A nel settore medio. È comprensibile considerando le attuali valutazioni sui mercati; ovviamente, questi non hanno aiutato il prezzo ad essere “economico”.

Lorenzo Sentino

Lorenzo Sentino

Lorenzo Sentino è trader online, coach di strategie di trading su indici, azioni e forex. AVVISO: I trading alert, segnali forex e ogni altra indicazione presente in queste pagine non devono essere considerati come raccomandazioni di investimento personalizzate ma frutto di libera espressione, studio e analisi degli autori. Non ci si assume responsabilità sulle conseguenze dell'utilizzo delle informazioni presenti.

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.