Didattica Trading

Come impostare il Take Profit

By 1 agosto, 2018 No Comments

Il Take Profit rappresenta, insieme allo Stop Loss, uno degli strumenti più utili di Money Management a disposizione di un trader. Consente, infatti, di preservare i guadagni dalle turbolenze del mercato, dagli improvvisi cambi di rotta.

Molti trader però utilizzano male questa fantastica funzione, impostando ad esempio take profit troppo piccoli e non riuscendo a cogliere a pieno le potenzialità del marcato forex.

Ebbene, si tratta di un pregiudizio. Dunque, prima di descrivere le tecniche di posizionamento più diffuse, è bene spiegare in modo chiaro cosa sia il Take Profit e come funzioni.
[callout bg=”#eeee22″ bt_content=”Visita il calendario Webinar forex Gratis” bt_pos=”right” bt_style=”undefined” bt_link=”https://www.we-trading.eu/broker/webinarfx” bt_target=”_blank” bt_rel=”nofollow”]Se vuoi studiare il trading online e apprendere le basi come il calcolo del valore del pip, risk reward, impostare ordini stop e limit, impostare stop loss e trailing allora ti consigliamo di seguire i webinar forex XM gratuiti ogni dedicato a chi inizia a fare trading. Tutti i Venerdì alle ore 15:30[/callout]

Cos’è il Take Profit e perché è importante

Il Take Profit è semplicemente un livello di prezzo. Nello specifico, un livello di prezzo raggiunto il quale la posizione viene chiusa automaticamente, esattamente come nel caso dello Stop Loss. Rispetto a quest’ultimo, però, differisce per la finalità. Mentre lo Stop Loss serve a limitare le perdite, il Take Profit serve a limitare i guadagni.

Il principiante potrebbe chiedersi: perché mai si dovrebbero limitare i guadagni?

La risposta è: per preservarli. Un semplice esempio può aiutare a definire il concetto. Immaginiamo che un trader abbia, magari dopo un lungo lavoro di analisi, aperto una posizione. Ipotizziamo anche che il trade si stia rivelando vincente. I guadagni iniziano a salire e proseguono a un ritmo sostenuto. A un certo punto, il mercato inverte la rotta e il trade inizia a compromettersi. Nella migliore delle ipotesi, il trader si accorge del cambiamento quasi subito e chiude la posizione, registrando comunque un utile inferiore rispetto a qualche momento prima. Nella peggiore delle ipotesi, non si accorge di nulla, magari perché sta praticando trading automatico, e la posizione da vincente diventa perdente.

Ora, è evidente che le cose sarebbero andate per il verso giusto se la posizione fosse stata chiusa prima dell’inversione di tendenza. Ebbene, il Take Profit serve esattamente a questo: permette al trader di uscire dal mercato in tempo, in modo da ottenere il massimo guadagno possibile. La questione principale quindi non riguarda il se ma il quando, ovvero il livello di prezzo raggiunto il quale la posizione viene chiusa. Come individuarlo?

Le tecniche per impostare il Take Profit

Esistono svariate tecniche per individuare un livello di Take Profit. Le più diffuse sono:

  • La prima ha come protagonista i pattern grafici, ossia le figure che si formano nel grafico candlestick e che segnalano non solo i movimenti correnti ma anche quelli futuri. Il principio che rende i pattern una fonte affidabile di segnali è che il mercato tende spesso a replicarle. Se il grafico disegna l’inizio di una determinata figura, è probabile che essa verrà completata. Questa dinamica può essere utilizzata per impostare il Take Profit. In questo caso, esso verrà posizionato in corrispondenza del livello appena precedente l’inizio della candela rossa. Ovviamente, questo metodo può essere utilizzato solo se si registra almeno un accenno di pattern.
  • Il secondo metodo è invece valido per tutte le stagioni. Esso consiste nell’impostare il Take Profit in corrispondenza di una resistenza o di un supporto. Nello specifico, di una resistenza se la posizione è long e di un supporto se la posizione è short. Tale metodo si basa sul principio secondo cui il raggiungimento di un supporto o di una resistenza può presagire a un rimbalzo, e quindi a un break out.

We-Point indicator con indicazioni di stop loss e take profit

  • Take profit fisso in Pips o money – ovvero ci sono sistemi che piazzano il take profit al raggiungimento di N pips di guadagno indipendentemente dallo stop loss. Altri sistemi piazzano un take profit (su singola posizione o su gruppi di trades) a TOT euro di guadagno… indipendentemente dai lotti utilizzati… ad esempio chiudi non appena il guadagno totale è di 150 euro.

E’ questo il caso dell’expert advisor metatrader Multicurrency Spread EA che potete visionare QUI.

A seconda del grado di prudenza che un trader intende manifestare, si può fare riferimento a livelli più o meno vicini al prezzo. Se un trader è prudente utilizzerà resistenze e supporti vicini (magari corrispondenti ai minimi e ai massimi della sessione precedente), se è meno prudente utilizzerà resistenze e supporti lontani.

Il rapporto tra Take Profit e Stop Loss

Quando si decide il livello del Take Profit c’è un altro aspetto che può essere considerato: lo Stop Loss. Questi due strumenti, quando si pianifica un trade, infatti, non dovrebbero essere mai considerati in modo distinto. Da uno infatti dovrebbe dipende l’altro. In che modo? Facendo riferimento al rapporto rischio rendimento.

Impostare il Take Profit, infatti, vuol dire definire il massimo guadagno possibile, anche perché se si raggiunge questo livello la posizione viene chiusa. Per lo stesso motivo, impostare lo Stop Loss vuol dire definire la massima perdita possibile.

Affinché si operi all’insegna della prudenza, il primo deve essere molto più elevato del secondo. Anche qui, il tutto è a discrezione del trader, che può essere prudente o meno prudente. Convenzionalmente, però, la soluzione migliore è rappresentata da un rapporto rischio rendimento pari a 1:2. Ciò significa che il Take Profit e lo Stop Loss vanno impostati in modo che il guadagno sia doppio rispetto alla massima perdita possibile.

Money Management nel trading online

Lorenzo Sentino

Lorenzo Sentino

Lorenzo Sentino è trader online, coach di strategie di trading e di piattaforme per il forex, cfd e criptovalute. AVVISO: I trading alert, segnali forex e ogni altra indicazione presente in queste pagine non devono essere considerati come raccomandazioni di investimento personalizzate ma frutto di libera espressione, studio e analisi degli autori. Non ci si assume responsabilità sulle conseguenze dell'utilizzo delle informazioni presenti.

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.