bitcoin

Bitcoin vs Bitcoin Cash: differenze, pro e contro

By 28 novembre, 2017 No Comments

Ad Agosto ha fatto il suo esordio il Bitcoin Cash, una versione più veloce del classico Bitcoin che da subito si è dimostrato molto competitivo e apprezzato dagli investitori. Data la complessità dell’argomento e la tempestività del cambiamento (praticamente un fulmine al ciel sereno) alcuni investitori sono stati colti impreparati. Ora, a qualche mese dal debutto sul mercato, è possibile ragionare a mente lucida e descrivere cosa sia realmente il Bitcoin Cash, quali siano i suoi pregi e i suoi difetti in una prospettiva di comparazione con il fratello maggiore.

bitcoin cash

La capitalizzazione del bitcoin cash è aumentata notevolmente nel mese di Novembre 2017 attestandosi alla terza posizione.

Cosa è il Bitcoin Cash e differenze con il Bitcoin

Il Bitcoin Cash, sebbene possa essere considerato un fulmine a ciel sereno vista la rapidità con il quale è stato sviluppato, è nato da una esigenza specifica: velocizzare la criptovaluta. La velocità delle transazioni è un problema annoso del Bitcoin, che rischiava di farsi scavalcare, almeno riguardo questo specifico punto, dalle criptovalute più recenti, non ultimo l’Ethereum (leggi qui).

Gli sviluppatori, con il decisivo contributo di alcuni miner, hanno messo in piedi questa estate una hard fork, ossia una modifica del codice, di fatti creando una valuta di sana pianta. Così è nato il Bitcoin Cash.

Di differenze con il Bitcoin non se ne contano poi tante. L’unica realmente degna di nota, però, spariglia le carte in tavola fino a configurare un utilizzo diverso della valuta.

Il Bitcoin Cash è molto più veloce del Bitcoin classico. E’ questa la differenza più grande. Si parla di transazioni che avvengono mediamente in due o tre minuti, in luogo delle transazioni del Bitcoin che durano venti minuti o mezz’ora. Questo radicale cambiamento, che si potrebbe perfino definire evoluzione, genera conseguenze di rilievo proprio nel modo di intendere la criptovaluta.

Il motivo di questa velocità risiede in una riprogettazione dei blocchi. I blocchi del Bitcoin Cash, infatti, pesano 8 mega mentre quelli del Bitcoin classico pesano 1 mega. La scrittura della Blockchain è quindi assai più rapida nel primo piuttosto che nel secondo.

E’ meglio il Bitcoin o il Bitcoin Cash?

E’ evidentemente lo scopo ultimo della creazione del Bitcoin Cash: quello di porre in essere una moneta virtuale che non sia solo un efficace strumento di trading ma che possa essere considerata un efficace strumento di pagamento, viste le transazioni brevi. Per decretare, però, la migliore tra le due criptovalute è necessario considerare almeno tre elementi.

  • Performance di mercato. Ai trader interessa ovviamente l’usabilità di una valuta, ma solo in termini di impatto sul mercato. Quindi è bene fare un rapido confronto tra le performance delle due valute virtuali. Gli ultimi mesi del Bitcoin classico non hanno destato alcuna sorpresa: il trend ascendente continua, nonostante alcuni pesanti ritracciamenti. D’altronde, a questo ci ha abituato il Bitcoin.

Anche la variante Cash è autrice di ottime performance, sebbene sia ancora presto per definire una fisionomia. Si può apprezzare, però, una generale tendenza alla lateralità, preceduta o seguita da rapidi apprezzamenti.

A chi va la sfida, se si parla di performance di mercato? Per ora, al Bitcoin. In linea di logica, è probabile che il predominio della variante classica duri ancora a lunga. In primo luogo, perché nella percezione dei trader è il Bitcoin la valuta virtuale per eccellenza, quella in grado di segnare picchi clamorosi. Secondariamente, perché sconta un vantaggio in termini di immagine e di presenza sul mercato. Per ora, criptovalute vuol dire Bitcoin e viceversa.

  • Stabilità. In linea teorica, il Bitcoin Cash, prefigurandosi come una valuta virtuale dal taglio tradizionale, quindi più vicina a un classico strumento di pagamento, dovrebbe esprimere una stabilità maggiore. La questione, però, ruota attorno alla sicurezza: il Cash deve ancora dimostrare al mondo di essere una criptovaluta sicura, il ché non è affatto scontato viste le modifiche ai blocchi e l’alone di mistero che avvolge ancora la fork. E la mancanza di sicurezza, si sa, può generare parecchia volatilità.
  • Utilizzi. Da questo punto di vista il Bitcoin Cash appare più attrezzato. Se il Bitcoin, per adesso, è essenzialmente uno strumento di investimento speculativo, il Bitcoin Cash è, proprio come le valute tradizionali, sia uno strumento di trading che un mezzo di pagamento. O almeno promette di esserlo.

Lorenzo Sentino

Lorenzo Sentino

Lorenzo Sentino è trader online, coach di strategie di trading e di piattaforme per il forex, cfd e criptovalute. AVVISO: I trading alert, segnali forex e ogni altra indicazione presente in queste pagine non devono essere considerati come raccomandazioni di investimento personalizzate ma frutto di libera espressione, studio e analisi degli autori. Non ci si assume responsabilità sulle conseguenze dell'utilizzo delle informazioni presenti.

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.