Crollo banche italiane: ecco le opportunità per i trader

Dopo il referendum sulla Brexit che ha iniziato il processo di divorzio tra Europa e GranBretagna, si è assistito ad uno scossone finanziario che ha portato al crollo delle quotazioni dei principali indici azionari e in particolar modo al crollo banche italiane in borsa.

Crollo banche italiane: le banche italiane soffrono più delle altre europee.

Il motivo principale è legato allo stato di sofferenza del sistema bancario italiano e dalla mancanza di strumenti efficaci che possano risollevare e migliorare la struttura dei debiti. E’ stato istituito il fondo Atlante ma a nostro parere è soltanto uno strumento temporaneo e inefficace che fra qualche anno riproporrà lo stesso identico problema. Inoltre, la storia ci insegna che, questo tipo di fondo è solo un mezzo per creare altri strumenti finanziari tossici che poi vengono riversati nei portafogli dei clienti ignari (consumatori).

Banca IntesaSanPaolo: verso 1,5 euro

Uno dei titoli protagonisti del crollo banche italiane è IntesaSanPaolo che viaggia intorno a 1,5 euro (-11,38% in questo momento 27/06/2016 ore 15.37).

INTSNPLWeekly

Il grafico settimanale sopra riportato con applicazione del We-Point indicator ci ha già avvisato dei possibili ribassi fin da Settembre 2015. Il We-Point sul settimanale riconferma una grande validità e affidabilità se utilizzato con un Risk Reward di 1:3. Ecco altri esempi: https://www.we-trading.eu/strategia-trading-1-ora-settimana/

Obiettivi, supporti e resistenze delle azioni IntesaSanPaolo

Sotto 1,5 euro si apre una fase senza supporti che potrebbero fare precipitare le quotazioni sotto 1 euro. Non si tratta di illusione ma di una cruda realtà. La mancanza di questi supporti porterà i prezzi verso il successivo minimo del 2016.

Per chi investe per il lungo periodo si potrebbe iniziare ad accumulare qualche piccola posizione long da questo prezzo per un ritorno a 1,90 euro.

Spread Trading azioni IntesaSanPaolo vs Unicredit

Un altro modo per affrontare questo difficile momento di borsa è di investire con la strategia di spread trading azioni con IntesaSanPaolo contro Unicredit. Ovvero possiamo analizzare come si comporteranno nel tempo le 2 banche più importanti nel listino italiano.

crollo banche

Dal grafico dello spread trading si evince che nonostante il crollo banche, il titolo IntesaSanPaolo è molto più forte di Unicredit. Ovvero è possibile creare una strategia di spread trading che prevede l’acquisto delle azioni IntesaSanPaolo e la vendita delle azioni Unicredit (copertura). Se la curva dello spread continuerà a salire così allora il trader potrà ottenere un guadagno nel lungo periodo.

Migliori broker forex: confronto

Altre azioni italiane da tenere sotto osservazione

 Tra le altre azioni che stiamo studiando per il lungo periodo vi consigliamo di tenere sotto controllo le seguenti società:

  • Terna intorno a 4,4 euro
  • Yoox
  • Campari
  • Credem

A presto con nuove analisi su azioni italiane!

Lorenzo Sentino

Lorenzo Sentino

Lorenzo Sentino è trader online, coach di strategie di trading e di piattaforme per il forex, cfd e criptovalute. AVVISO: I trading alert, segnali forex e ogni altra indicazione presente in queste pagine non devono essere considerati come raccomandazioni di investimento personalizzate ma frutto di libera espressione, studio e analisi degli autori. Non ci si assume responsabilità sulle conseguenze dell'utilizzo delle informazioni presenti.

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.